La mia borsa

Cosa c’è nella tua borsa?

Vi spiego cosa c’è nella borsa del fotografo da concerto, o meglio, nella mia borsa della fotografia, ogni volta che vado ad immortalare un concerto!

Macchina fotografica

Ho una reflex, chi l’avrebbe mai detto? E’ del 2009 e l’ho comprata per poco appena prima che uscisse il modello nuovo, perchè odio spendere una fortuna e vedere dopo qualche anno che quello che ho comprato vale la metà.

Per il corpo macchina come anche per gli obbiettivi non vi sto a dire la marca, perchè non ha quasi nessuna influenza sul tipo di foto che scatto, su quello che vedo e su quello che salvo sulla memory card, vorrei che valutaste le mie foto, non la mia attrezzatura, perchè penso sia il risultato quello che conta, so bene che molti di voi sapranno riconoscere la macchina e non mi interessa, perchè non c’entra niente con la fotografia!

Non fate l’errore di pensare che comprando una certa macchina le foto verranno “bene” di conseguenza, è chi scatta che decide, e si possono fare foto eccezionali con la videocamera di un telefonino, anche se è meno probabile che con una gran macchina fotografica.

Vi rimando a quest’altro articolo se volete capire meglio che tipo di attrezzatura è meglio usare per fotografare concerti.

Con la macchina attualmente utilizzo la cinghia “compresa nel prezzo”, non mi piace e non la trovo per niente comoda, ma è quello che passa in convento in attesa che non mi riesca a procurare di meglio, continuate a leggere queste pagine perchè spero di poter recensire presto le cinghie Blackrapid che ritengo molto interessanti come alternativa.

Ho tinto di nero la cinghia della mia macchina fotografica per evitare di fare pubblicità al marchio.

Non capisco chi me lo fa fare di andare in giro a gridare al mondo, Hey, io uso la marca X!

Obbiettivi

Porto con me due o tre lenti al massimo, anche perchè credo che con una sola potrei scattare il 90% delle foto, detto questo, è bello avere la possibilità di cambiare lente se serve, una flessibilità a cui non voglio rinunciare, anche per evitare di fare le stesse foto durante tutto il concerto. Ecco le lenti che uso oggi (Agosto 2011):

50 mm F1.8

Mi riesce impossibile pensare di lasciare a casa il cinquantino, è piccolo, inciso come poche lenti al mondo e l’unica possibilità di scattare in caso di pub bui e fumosi, non lo riesco ad usare molto a meno che le condizioni non lo impongano, perchè è una lente che “ti chiede di muoverti” e spesso in mezzo alla calca la cosa mi riesce impossibile. Ogni tanto mi sforzo di usarlo per camminare un po’ e vedere le cose in modo diverso, anche se non sempre i risultati mi soddisfano.

10-20 mm F4-5.6

Ogni tanto mi piace fotografare il pubblico, o i musicisti da un punto di vista diverso, quando mi succede uso questa lente. 10 mm sono difficili da gestire in questo contesto, il palco diventa piccolo, per cui immaginatevi i musicisti… Purtroppo non sono solito fotografare in stadi e arene concerti per cui non c’è questo grandissimo pubblico o gli spazi infiniti,

capita spesso di trovarsi in un pub dove la band si deve esibire in 4 metri quadrati

e questa lente mi consente qualche bello scatto se la posizione è buona. E’ una lente da cui difficilmente mi separo, perchè ne adoro la prospettiva e la resa. Al buio l’apertura massima di F4 non mi da molto spazio, per cui penso che un giorno dovrò passare a qualcosa di più luminoso, ma di abbandonare i 10mm non se ne parla, una volta che inizi a vedere wide è peggio della droga!

80-200 mm F2.8

La lente regina per il tipo di foto che amo scattare ai concerti, mi consente di fotografare figure intere, mezzi busti o volti (face-shot), ma anche i dettagli degli strumenti o del palco. Vi devo però confessare che molto spesso scatto dal pubblico, quindi per è normale utilizzare ottiche più lunghe. Molti altri fotografi musicali privilegiano i Tele corti, che sono sicuramente più indicati con macchine non full frame e scattando dalla pit.

Purtroppo lenti come questa costano un occhio della testa, pesano parecchio e rendono difficile scatti e spostamenti in mezzo alla gente. Se avessi 2000 € da spenderci passerei sicuramente ad un 70-200 mm F2.8 stabilizzato, un po’ perchè quei 10 mm in più sono utili, ma soprattutto perchè la stabilizzazione aiuta molto scattando a 200 mm.

E’ il tipo di lente che rappresenta un vero e proprio investimento economico, perchè se la tenete in buone condizioni al momento di venderla potete pensare di riprendere poco meno di quanto avete speso per comprarla.

Non ci credete? Fatevi un giro su eBay e mi darete ragione. Non è un segreto che le lenti tengano il mercato molto meglio delle macchine fotografiche: un corpo macchina di 3 anni fa vale meno del 50%, mentre un bell’obbiettivo di 10 anni fa può costare anche il doppio, se fuori produzione.

Accessori

Gli accessori possono essere molto importanti nella fotografia di concerti, vediamo cosa c’è nella mia borsa:

La borsa

Iniziamo dalla borsa vera e propria, io ho comprato la mia per 20 € da H&M e mi trovo bene, è una borsa senza pretese ma fa bene il suo lavoro. Ha una tracolla regolabile che a dire il vero è un po’ scomoda ma per 20 € non si può chiedere di meglio! C’è uno scomparto centrale più capiente e una tasca sul lato utile per metterci i copri lente (lens cap) e altri accessori, ci sono poi due mini tasche sui bordi che tornano utili per gli oggetti più piccoli. Lo scomparto centrale è dotato di zip per il trasporto e di solito tengo la mia costantemente addosso per avere tutto quello che mi serve a disposizione.

Tappi per le orecchie

Quando siete ad un concerto per fare foto la musica passa in secondo piano, di per se è un peccato, ma per me concentrarsi sullo scatto è la cosa più importante, e se per scattare mi devo mettere davanti alle casse dell’impianto audio poco male, perchè indosso sempre le protezioni acustiche necessarie.

Non pensate di poterne fare a meno, i tappi sono necessari per la vostra sicurezza, anche se vi guardano male credendovi un alieno, datemi retta.

In realtà gli alieni sono loro, e alieni sordi, in molti casi. Avete presente la sensazione di fischio nell’orecchio che provate dopo essere stati ad un concerto? Beh, è il segnale che avete perso qualche migliaio di cellule del timpano. Cellule che durante la vostra vita non si rigenerano, ma muoiono progressivamente.

Più ne perdete e meno ci sentite, e io ne so qualcosa perchè per molti anni ho avuto modo di suonare in una band senza proteggermi i timpani. Oggi sento ancora bene, ma non so fino a quando sarò così fortunato, e adesso non perdo occasione per indossare protezioni acustiche ogni volta che vado ad un concerto (anche senza macchina fotografica!) o che faccio le prove da solo o con il gruppo. Se mi dimentico i tappi faccio marcia indietro e torno a casa a prenderli, sono un accessorio indispensabile.

Non è poi detto che indossare i tappi tolga tutto il piacere della musica, esistono infatti protezioni particolari che mantengono una buona risposta in frequenza e non limitano troppo gli alti.

Io uso ormai esclusivamente gli Etymotic ER-20 ear plugs, che trovato a 10 € circa su eBay, sono comodi e riutilizzabili perchè lavabili, per cui non avete più scuse per proteggere il vostro udito!

 Antizanzare

L’estate è la stagione più attiva per la musica dal vivo qui al nord Italia, e spesso i migliori concerti si svolgono all’aperto, per cui le zanzare possono diventare un bel problema.

Se non volete avere distrazioni che vi distolgano dallo scatto perfetto vi consiglio di munirvi di abbondanti dosi di repellente anti zanzare, non sempre funziona ma è meglio di niente, e non inframezzerete i vostri scatti di bestemmie e tentativi di distruggere questi fastidiosi insetti.

Luce led

Una luce led non è effettivamente necessaria, ma può sempre tornare utile quando siete al buio e non riuscite a trovare qualcosa nella borsa o a cambiare una lente. ho trovato questa mini torcia all’ikea a 3 euro e me ne sono comprate un paio, è comoda perchè si può fissare con una clip ai vestiti e quindi non vi impegna le mani, purtroppo non ha un vero e proprio interruttore ma si azione avvitando il coperchio, peccato!

Protezioni per lenti

Quando una lente non è montata sulla macchina, è meglio che sia in qualche modo protetta all’interno della borsa, non è un problema grave ma serve ad evitare incidenti, ho scoperto che per alcune lenti non è necessario comprare le costose confezioni ufficiali prodotte e vendute a prezzi esorbitanti. Io ad esempio per proteggere il mio fido 80-200 F2.8 uso un copri bottiglia isolante del decathlon pagato forse 2 € che funziona benissimo ed è imbottito di isolante termico. Poi quando serve posso anche utilizzarlo per tenere la birra in fresco, ROCK’N’ROLL !!

Acqua

Questa torna utile nel caso che il posto sia molto caldo e con poca aria, mantenetevi idratati sempre!

Ricordo inoltre che la birra, anche se è buona, non idrata per niente, anzi, è diuretica e quindi vi provoca maggior disidratazione di quanta acqua fornisca, ogni due bicchieri di birra dovreste berne uno di acqua!

  • Fedenewsletter

    “Io ad esempio per proteggere il mio fido 80-200 F2.8 uso un copri bottiglia isolante del decathlon pagato forse 2 € che funziona benissimo ed è imbottito di isolante termico”  … grande!

    • simmessa

      Seppure in ritardo ti rispondo GRAZIE! :)

  • Porno

    nelle orecchie posso mettermi anche dei tappi di butteglia?

    • simmessa

      Eccome no???!? Devi andare al magazzeno dove hanno la gassosa (quella che fa fare i roiti tipo la boario) e farti dare i vuoti a rendere, ciuli i tappi eppoi li rendi!! Easy peasy! ;)

      S.

  • ale9825

    si ma usi una nikon secondo me ;)

    A.

    • simmessa

      Potrei anche darti ragione, o torto, se è per quello, ma la verità è che la tentazione di entrare nella diatriba A vs B non mi attira neanche un po’, da qualche tempo ormai mi concentro sulle foto e su quello che mi dicono più che sui mezzi con cui sono state realizzate, tra l’altro al momento è un anno circa che non uso la reflex :) Con soddisfazione ;)

      Continua a leggere e cadrai dalla sedia dallo stupore :D

      S.

?