Modificare foto come un professionista con Adobe Lightroom

Vi sarete chiesti mille volte come fanno i professionisti a modificare le foto, come fanno ad ottenere quei colori, quella definizione spaventosa e quell’aspetto artistico tanto fuggente?

Intanto, visto che la fotografia è un’arte, bisogna conoscerla e saperla esercitare, non basta una macchina fotografica e obbiettivi da 3000 € ! A dire il vero basterebbe anche una macchina usa e getta per fare grandi foto, ma prima di tutto servono grandi occhi.

Fortunatamente, qualsiasi sia il livello artistico delle vostre foto, la fotografia digitale vi mette a disposizione una serie di strumenti interessanti per creare risultati sbalorditivi.

Qualche domanda

In questo articolo cercherò di rispondere ad alcune domande che mi sono sentito porre tante volte come:

  • Devo per forza saper usare photoshop per modificare le foto?
  • Devo spendere molti soldi per comprare i programmi necessari a modificare le foto?
  • Come faccio ad ottenere dei colori davvero vividi ?

Ma andiamo con ordine e iniziamo dal principio.

Per modificare foto come i professionisti innanzitutto servono i programmi giusti.

Photoshop, che è il re dei programmi per l’elaborazione di immagini digitali, non è sempre necessario per modificare le foto, è sicuramente il software più indicato se la foto va sottoposta ad interventi importanti di ritocco, ma purtroppo non è così semplice ed immediato da utilizzare, e spesso richiede molte ore (per non dire anni) di utilizzo prima di ottenere buoni risultati.

personalmente dopo tanti anni di prove e tentativi vari ho scoperto che il miglior programma per modificare foto in modo semplice e veloce si chiama Adobe Lightroom.

Adobe Lightroom, a cosa serve?

Lightroom è un software incredibile creato da Adobe, che poi è il principale sviluppatore di programmi per artisti digitali, grafici, web designer, fotografi e animatori usano tutti prodotti Adobe, segno della grande esperienza che questa azienda ha nel creare strumenti adatti ad amatori e professionisti.

Ma vediamo Lightroom più da vicino, come funziona?

Lightroom è costituito da 5 moduli separati, che sono:

  • Library
  • Develop
  • Slideshow
  • Print
  • Web

Noi qui ci soffermeremo sui primi 2, che sono i più importanti per ottenere i migliori risultati.

Library

Lightroom per prima cosa vi permette di organizzare le vostre foto, il che non è poco. La Library infatti è il primo passo del workflow (i.e.:flusso di lavoro) di un fotografo professionista,

pensate di avere nel vostro database fotografico più di 100.ooo scatti e di dovervi accedere frequentemente trovando subito quello che state cercando

l’impresa è decisamente ardua!

Lightroom vi aiuta nell’organizzazione delle foto con strumenti semplici ma efficaci, ad esempio potete decidere di taggare le foto con le parole chiave che vi permetteranno poi, in un secondo momento, di ritrovare velocemente le vostre foto.

Ovviamente esistono anche altri modi di organizzare, ad esempio per data, macchina fotografica (se ne usate più d’una) o per obbiettivo. Tra le feature sicuramente la più utile per l’organizzazione del database fotografico è quella che permette di creare una collezione.

Una collezione è semplicemente un gruppo di foto che sono state selezionate e messe da parte, è un concetto trasversale rispetto a quello delle cartelle sul disco fisso, la collezione infatti funziona indipendentemente dalla posizione dei file.

Un’altra funzione molto utile di Lightroom permette di flaggare (i.e.:contrassegnare) le foto con una bandierina oppure con etichette colorate, in questo modo potete catalogare le foto sulla base del criterio che preferite, ad esempio se state elaborando le foto di un matrimonio potete flaggare con un colore quelle degli sposi e con un altro quelle dei parenti e amici.

I modi di usare i flag sono limitati solo dalla vostra fantasia, e costituiscono un criterio di selezione molto utile che è persistente nel tempo e che vi permetterà di mettere ordine nella vostra collezione fotografica.

Detto questo vi faccio notare che Lightroom mette a disposizione molti strumenti per l’organizzazione delle foto, ma che l’uso della maggior parte questi strumenti è manuale e dipende solamente da voi, vi consiglio quindi di imparare al più presto come funziona la Library per poter tenere sempre sotto controllo il vostro catalogo fotografico.

Develop

Vediamo a questo punto cosa si può fare per modificare le foto con Lightroom.

La funzione sicuramente più importante di questo pacchetto software corrisponde ad una moderna camera oscura interamente digitale.

Sono molte le voci d’intervento per la modifica delle foto ma sono raggruppate in gruppi, quindi vediamoli uno per uno:

Basic

Le funzionalità basic sono i fondamentali per la modifica delle caratteristiche di una foto, vi permetteranno infatti di influire su:

  • White balance (bilanciamento del bianco)
  • Tint (bilanciamento del verde / magenta)
  • Exposure (esposizione)
  • Recovery (recupero del dettaglio in aree sovraesposte)
  • Fill light (luce di riempimento)
  • Blacks (toni del nero)
  • Brightness (luminosità)
  • Contrast (contrasto)

inoltre ci sono i parametri relativi alla presenza dei colori:

  • Clarity (chiarezza dei bordi)
  • Vibrance (vibranza del colore)
  • Saturation (saturazione del colore)

Già in questo primo step gli interventi possibili sono moltissimi, particolarmente importante è il bilanciamento del bianco, la possibilità di correggere l’esposizione della foto (ma attenzione perchè se c’è del rumore questa correzione lo renderà molto più evidente!), il contrasto e la saturazione del colore.
Guardate che differenza in questa foto elaborata modificando soltanto i parametri basic:

Prima e dopo la modifica con i parametri basic di Lightroom, la qualità della luce è cambiata completamente!

Tone curve

Il secondo step della catena di sviluppo permette di agire sulle curve della luminosità dell’immagine:

  • Highlights (luci alte)
  • Lights (luci basse)
  • Darks (toni scuri)
  • Shadows (ombre)

In pratica questo passo vi permette di domare completamente il range dinamico dell’immagine di partenza con caratteristiche che si avvicinano ai confini dell’HDR, senza l’uso di esposizioni multiple.
Ancora una volta vi voglio mostrare cosa succede alla nostra immagine di prova dopo questo stadio:

Prima e dopo la modifica con i parametri di tone curve, notate che i toni della scena cambiano drasticamente

Prima e dopo la modifica con i parametri di tone curve, notate che i toni della scena cambiano drasticamente

HSL / Color / B & W

Il prossimo step permette altri interventi sulla foto, ad esempio il controllo individuale delle dominanti di colore, oppure su scala di riferimento HSL (Hue Saturation e Luminance), infine la conversione in bianco e nero.

Io la uso principalmente per la conversione in bianco e nero oppure per ottenere il controllo di alcuni colori senza dover predisporre maschere particolari (molto dispendiose in termini di tempo).

Non vi piace il colore della sabbia, basta agire sul controllo del colore Orange!

Prima e dopo la modifica del “Color”: abbiamo cambiato la componente arancio della foto

Split toning

Questo blocco vi permetterà di variare cromaticamente i toni chiari e scuri della foto, spezzandoli in due parti diverse a cui è naturalmente possibile applicare colori diversi, le possibilità creative sono molte, ma ovviamente il colore della foto non sarà più molto vicino all’originale, quindi tutto dipende dall’effetto che volete ottenere, ecco qui un esempio sulla nostra spiaggia tropicale:

Lo split toning aggiunge molte possibilità creative alla nostra elaborazione con Lightroom

Detail

Queste regolazioni del dettaglio sono, in realtà, tra le più importanti perchè vi permettono di controllare due aree fondamentali delle foto digitali:

  1. Il rumore digitale provocato dal sensore (high ISO noise)
  2. Lo sharpening dell’immagine, con cui recuperare parte del dettaglio perso togliendo il rumore

Nella versione 2 di Lightroom questi strumenti erano parecchio conservativi e a grosse modiche corrispondevano risultati poco percepibili, dalla versione 3 tutto è cambiato, ed è possibile intervenire in maniera più marcata, naturalmente così facendo è anche più facile fare dei danni!

Bellissima inoltre la possibilità di trattare separatamente il rumore monocromatico (del canale luma) da quello del colore (canale croma), il controllo risultante permette la correzione di situazioni anche critiche.

Il controllo dello sharpening ci ha permesso di rendere più definite le shilouette e il dettaglio della sabbia, ma soprattutto di eliminare quasi del tutto il rumore enfatizzato dalle elaborazioni precedenti

Lens Correction

Un’altra feature davvero imperdibile di Lightroom è la possibilità di applicare correzioni ottiche all’immagine, se il vostro obbiettivo è tra quelli riconosciuti dal programma, infatti, avrete la possibilità di correggere eventuali distorsioni, aberrazioni cromatiche residue e addirittura di rendere meno evidente il vignetting!

Le lenti più usate sono tutte comprese nel database di Lightroom, anche se per alcune la correzione è possibile solo dal formato RAW.

Una feature che da sola vale quasi l’intero prodotto, visto che analoghi prodotti dedicati a questo interventi riescono a costare più di tutto Lightroom!

Effects

Tramite il penultimo step, quello degli effetti, è possibile:

  1. Aggiungere o corregere manualmente il vignetting della foto
  2. Aggiungere alla foto una grana digitale variabile, simulando quella reale della pellicola agli alti ISO

Questi due effetti cercano in qualche modo di colmare il divario tra analogico e digitale, non sempre i risultati sono grandiosi, ma è bello poter fare qualche esperimento e giocare con i propri scatti.

Prima e dopo, abbiamo aggiunto una vignettatura all’immagine e della grana digitale simulata per assomigliare a quella della pellicola

Camera calibration

Infine, se la vostra macchina fotografica soffre di difetti evidenti quali color cast (a tutte le immagini viene impressa una dominante di un certo colore, come succedeva qualche anno fa sulle compatte, che avevano predominante rossa) potete crearvi un preset che vi consenta di eliminarli tutti in una volta sola o caso per caso.

Siamo solo all’inizio

Ovviamente Lightroom offre ancora di più in termini di funzionalità, non siamo infatti che all’inizio dell’esplorazione di questa camera oscura digitale, seguirà un articolo che spiega meglio quello su cui oggi abbiamo sorvolato, ovvero i ritocchi individuali che vi permetteranno di ottenere risultati strabilianti!

Continuate a leggere Rockfoto.it e ne vedrete delle belle!

Grazie e ricordate che vi aspetto tutti nei commenti!

Simone.

  • Riccardo Misani

    bell’articolo complimenti.. ma aggiungerei anche il paragrafo “Opzione scaricati dal web i presets già configurati” :-D

    • Anonimo

      Eh, ma dove se ne trovano di carini? Io sono l’uomo anti-preset :D :D

      Diciamocelo, ogni foto è un discorso a se, anche se alcuni effetti si possono sempre usare…

      S.

      • http://www.facebook.com/antoniomalvizzi Antonio Malvizzi

        Condivido a pieno ogni immagine è un mondo a se di luci contrasti distanze e soggetti non si può generalizzare ed apporre degli effetti classificati e settati su altre immagini, richiederebbero cmq degli adattamenti quindi tanto vale partire da zero! Ti faccio anch’io i complimenti per quest’articolo spero faccia da trampolino di lancio a tanti che scattano ma non riescono a ottenere quello che vogliono solo perché non sanno come funza un programma di foto editing. Alla Prox!

        • simmessa

          Ciao Antonio, concordo! Secondo me davvero un fotografo non approda all’era digitale finché non capisce l’importanza dell’editing e non si diletta con programmi come Lightroom… io sono disponibile a dare una mano a tutti quelli che vogliono imparare, così magari imparo qualcosa di nuovo anch’io ;)

          Grazie e a presto!

          S.

  • Pingback: La compattina di Natale 2011 - Rockfoto.it()

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=100002545617381 Rachele Calvanelli

    veramente bell’articolo ma come si fa a scaricarlo ?? non ci riescooo D:

  • Gianni Lafregna

    beh.. il proseguo dov’e’ finito?

    • simmessa

      Caro Gianni, il proseguo versione AGGRATIS arriverà in data da definirsi ;)
      S.

  • Gianni Lafregna

    beh.. il proseguo dov’e’ finito?

  • alessia

    salve ho una problema come poso cambiare tutto il DVD da mio matrimonio la torta un casino mi sono mesa a piange uno schifo tutte le foto non sono bene fate un cazzino totale ho pagato mille euro per un schifo di DVD se lo vedi ti spaventi anche tu vorrei fare che poso migliorare un po  

    • simmessa

      Ciao Alessia,

      Prima di tutto: CALMA, fai un bel respiro e prendi fiato.

      Dopodiché, mi sembra di capire che le foto del tuo matrimonio siano uscite male e che tu ci abbia smenato 1000 euro, giusto?

      Beh, anche se non vorrei essere nei tuoi panni direi che al mondo c’è di peggio.

      Detto questo, se vuoi sistemare le tue foto sappi che hai a disposizione molti strumenti validi per fare l’elaborazione e ottenere un risultato più carino.

      Fai così, parti dalle tue foto e seleziona quelle che secondo te sono uscite meglio, poi cerca di capire cosa c’è che non va in ciascuna di esse.

      Aiutati con questa lista di punti:

      Troppo scura, troppo chiara ?

      > Puoi correggere l’esposizione con lightroom

      L’inquadratura è sgradevole / mal riuscita ?

      > Puoi riquadrare la foto usando il crop di lightroom

      I colori / il bilanciamento del bianco non è corretto?

      > Anche qui puoi intervenire con il white balance di lightroom 

      Prova anche a convertire la foto dal colore al bianco e nero, oppure ad usare un filtro sepia, in certi casi fa miracoli per dare un certo tono alle foto.

      Hai qualche esempio da farci vedere? Magari troviamo il modo di darti una mano.

      S.

  • Pingback: Perchè i fotografi professionisti usano l'iPhone - Rockfoto.it()

  • elisabetta

    Interessante davvero, cercherò di mettere in pratica i tuoi consigli. Vorrei sapere se è possibile con lightroom firmare anche le foto?

    • simmessa

      Ciao Betta,

      Grazie! Certo che si, in lightroom è possibile apporre un watermark, ciooè la firma, sulle tue foto in maniera molto semplice e senza perderci più di 5 minuti.

      Il tutto si fa durante l’export con il watermark editor come puoi vedere in questo screenshot:

      http://rockfoto.it/wp-content/uploads/2012/09/rockfoto_lightroom_watermark_editor.jpg

      Visto che non sei la prima persona interessata al tema credo che presto scriverò un post sull’argomento, per cui torna a trovarmi!

      S.

  • Pingback: Modificare le foto con Lightroom, video tutorial Street Fighter - notizie - Rockfoto.it()

  • Pingback: Idee Rock che mi frullano nella testa - Rockfoto.it()

  • Pingback: Lightroom school - Street Fighter video tutorial()

  • http://profiles.google.com/asbruff Giovanni Mauri

    Devo dire… bell’articolo, completo e ben fatto, non ti accuso di pubblicità indebita ad Adobe perché ognuno usa ciò che gli pare (ho seguito la diatriba con il tuo commentatore che ti accusava di pubblicità a Canon e Nikon), ma cerco di ampliare la veduta dei tuoi lettori.

    Per chi tutti gli amatoriali che non volessero spendere una caterva di soldi in un software grafico (solo 130euro, pensavo peggio), software che userebbero solo per modificare colore / esposizione delle foto delle vacanze, consiglio rawtherapee, un software open source ancora troppo poco conosciuto, ma molto vicino alle potenzialità di lightroom.

    In internet è facile da trovare, ma purtroppo i tutorial scarseggiano.

    P.S. complimenti per il blog, ottimo lavoro.

  • anna

    ciao sono una ragazza diplomata in grafica pubblicitaria, non trovo lavoro e vorrei imparare a d usare lightroom e’ possibile impararlo da sola?? si scarica su internet?’ grazie

    • simmessa

      Ciao Anna The Princess,

      Prima cosa: non disperare, se ti fai un culo quadro prima o poi avrai anche tu modo di far vedere il tuo lavoro, quindi dacci dentro, apri un sito, o manda i tuoi lavori a community come dribble, forrst e vedrai che qualcuno ti noterà.

      Per quanto riguarda Lightroom nei commenti mi hanno già chiesto dove trovarlo, ed esiste una versione demo qui:

      https://www.adobe.com/cfusion/tdrc/index.cfm?product=photoshop_lightroom

      Se invece ti serve quella completa… beh, ti consiglio di cercare cosa sono i file torrent su wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/BitTorrent) e poi di farti un giro su: http://torrentz.eu/

      Di più davvero non posso dirti :)

      Good day & good luck!

      S.

  • Gennaro Rino Di Gianni

    Ciao sono un novello utilizzatore di Lightroom e articoli come i tuoi sono puro ossigeno per chi ha voglia di imparare questo programma, adoro le foto ma mi diletto anche con i video e sono rimasto affascinato dal color correction che effettua Lightroom con i Vsco film pertanto ho scaricato questi vsco films ma non riesco a farli funzionare su ligtroom 4 su mac, le istruzioni mi dicono: Mac OS:
    If installing all packages, start with 01 first, then 02 and 03 and overwrite files if asked.
    Camera Profiles:
    copy “CameraProfiles” content to /username/Library/Application Support/Adobe/CameraRaw/CameraProfiles
    Develop Presets:
    copy “Develop Presets” content to /username/Library/Application Support/Adobe/Lightroom/Develop Presets
    Local Adjustment Presets:
    copy “Local Adjustment Presets” content to /username/Library/Application Support/Adobe/Lightroom/Local Adjustment Presets
    compio questo copia e incolla ma nn succede nulla, questi nuovi “pacchetti colore” non sono presenti su lightroom.
    Ho notato anche che nelle cartelle come ad esempio /Library/Application Support/Adobe/CameraRaw/CameraProfiles non è già presente una cartella come Camera Profiles quindi efeettuo un aggiunta e non una sostituzione, lo stesso per Develop Presets.
    Sono 4 giorni che ci perdo la testa!Auitami ti prego!
    grazie

    • simmessa

      Ciao Gennaro!

      Grazie per le parole gentili verso i miei articoli :)

      Dunque ho scoperto dalla tua segnalazione i VSCO film emulation e sto facendo delle prove, dopodiché cercherò di aiutarti più nel dettaglio ma prima di iniziare alcune verifiche preliminari:

      1) Hai scaricato la versione corretta per il tuo Lightroom ? Immagino di si ma meglio verificare (lightroom 4 vs 5)

      2) Sei sicuro del percorso in cui hai copiato i file ? Ovviamente nel percorso:

      /username/Library/Application Support/Adobe/CameraRaw/CameraProfiles

      dovrai modificare, se il tuo username è gennaro:

      /gennaro/Library/Application Support/Adobe/CameraRaw/CameraProfiles

      e così via.

      So che è banale ma un errore di interpretazione può sempre succedere…

      3) Le cartelle che menzioni:

      CameraProfiles
      Develop Presets
      Local Adjustment Presets

      DEVONO già essere presenti, perché sono pre-impostate da Lightroom, quindi se non le trovi stai sbagliando destinazione!

      Spero che questo troubleshooting ti sia di qualche aiuto, ci sentiamo poi quando ho fatto qualche prova mia, purtroppo non ho MacOsX ma uso windows, ad ogni modo ti aggiorno!

      S.

      • Gennaro Rino Di Gianni

        Grazie per la celere risposta…PROBLEMA RISOLTO: con il nuovo sistema operativo, Montain Lion, per andare sulla cartella Libreria digitavo sul finder “vai alla cartella” e li scrivevo /Libreria/ ma probabilmente non era la libreria dell’account in uso (ne ho 2 sul mac), digitando ~/Library/ invece che /Libreria/ conpare la libreria corretta e le cartelle da sostituire che per 4 giorni ho cercato invano…
        Grazie sia per la disponibilità che per la competenza!!!
        Sei forte Simone!

  • Nicole Giandonato

    vorrei delle informazioni per quanto riguarda dei lavori su photoshop. è possibile contattarmi in posta privata sulla mail lapiccolacattivella2@hotmail.it

    • simmessa

      Ciao Nicole, come mai tutta questa segretezza :)

      D’accordo, ti scrivo una mail.

      Ciao,

      S.

  • Fausto Ferrara

    Problemone… mi sono distratto un attimo (non so cosa ho fatto) ed è sparito uno dei moduli della sezione “sviluppo”, quello in cui si regolano i parametri di base della foto come contrasto, ombre, luci, neri, bianchi, definizione ecc… Mi ritrovo solo la curva di viraggio, ma non è la stessa cosa… (Lightroom 5) che posso fare?
    Fausto

    • simmessa

      Ciao Fausto, uhm, quello che mi racconti è strano, nel senso che non dovrebbe succedere di “perdere” pezzi di Lightroom così! Secondo me la cosa più probabile è che tu abbia erroneamente chiuso uno dei pannelli sulla destra, se così fosse basta cliccare nel punto giusto per farlo ricomparire, confronta con lo screenshot e capirai meglio cosa intendo!

      A presto, fammi sapere se risolvi!

      S.

    • Fausto Ferrara

      Si, ho risolto, grazie! In effetti avevo chiuso non so come il pannello “base”ed era proprio scomparso… semplice riattivarlo da finestra>pannelli>base :)

      • simmessa

        Ciao Fausto, bene! Sono contento di averti dato una mano, continua a seguirci e quando elabori qualche foto con Lightroom facci vedere il risultato! S.

  • simone

    ciao :) è da poco che sono entrato nel mondo della fotografia :) , sto incominciando ad usare lightroom ottimo programma davvero e ti ringrazio per la tua guida ^_^ , ora ti ho mandato una foto che ho modificato risaltando un po i colori , le luci le ombre ecc ecc l’unica cosa che non riesco a capire è come faccio a risaltare il colore magenta del fiore , se noti si capisce poco il colore vorrei dargli un tocco in più, com’è possibile risaltare solo una parte di colore della foto? e non tutta?

    • simmessa

      Ciao Simone!

      C’è un problema, nella foto che hai caricato non vedo il fiore!! Mi sto perdendo qualcosa?

      Comunque con Lightroom fare quello che ti serve è semplicissimo, devi solo agire sulla palette dei colori che trovi nel pannello “Color”.

      Qui puoi agire direttamente sui principali colori dello spettro, rosso, giallo, blu, azzurro, ecc tra cui il Magenta!

      Fammi sapere se in questo modo risolvi, altrimenti io sono qui, non farti problemi a chiedere!

      Buona Luce!

      Simmessa.

      • simone

        mi sono sbagliato , non è un fiore , è la pianta che vedi quei filamenti della pianta sono di color viola/magenta solo che il colore non è ben risaltato si capisce poco e vorrei dargli più colore grazie simmessa , ci proverò vediamo che ne esce :) poi c’è anche l’uso delle maschere che non ho capito bene come funziona :)

        • simmessa

          Ciao Simone,

          bene, ora ho capito :) Sappi che non sarà facile “far uscire” il magenta dei filamenti, principalmente perché sono scuri e l’esposizione della foto andava magari corretta in fase di scatto con un lampo di flash.

          Inoltre, sono piuttosto piccoli e temo che sarà difficile agire sui pochi pixel con gli strumenti di Lightroom, ad ogni modo fai un tentativo, e mi raccomando, quando hai fatto posta qui nei commenti, se posso darti qualche altra dritta sono a tua disposizione!

          A presto!

          Simmessa.

          • simone

            ciao :) ho provato a fare come dici te , ma più di questo non riesce a ricavare ^^’ secondo me si dovrebbe usare photoshoop e usare vari livelli di maschera e sovrapporre le foto , un lavoro difficile ^^’

  • Guest

    eccola

  • Andrea Biasin

    Buongiorno, vorrei qualche informazione in quanto sto approcciando ora al mondo Mac e vorrei gestire un po’ di foto.
    Ho una libreria organizzata Windows style, intendo anno/mese/evento, molto semplice.
    Usando Lightroom, quindi, come vengono importate le foto? La libreria mantiene il mio ramo cartelle?
    La libreria ora è su un Nas, userei il mac per fare piccolo ritocchi, ma tutto resta poi sul nas.
    Il nas è accessibile anche da TV (ad esempio)
    Ho aggiunto un HD di rete, se volessi fare backup e sincronizzare poi la libreria, viene riorganizzata?
    Le cartelle restano accessibili da qualsiasi dispositivo?
    Grazie

    • simmessa

      Ciao Andrea,

      dunque, Lightroom non ha problemi con qualsiasi organizzazione delle cartelle tu voglia usare, questo perché lui usa le foto solo come fonte e ne memorizza il percorso su disco per “importarle” in un suo db che si chiama “catalogo”.

      Così facendo crea dei riferimenti alle tue foto che poi dovrai semplicemente avere l’accortezza di NON spostare nel tempo, altrimenti potresti invalidare i percorsi di Lightroom.

      Non ci sono ovviamente problemi a mantenere l’archivio foto su un NAS, anche io lo faccio, ti consiglio però di far riferimento solo al NAS come fonte delle foto del catalogo Lightroom per semplicità.

      Se poi vorrai fare dei backup su un altro HD, ben venga, questo per Lightroom non è affatto un problema, ma ti sconsiglio di avere tante foto indicizzate da Lightroom in percorsi diversi, rischi una gran confusione.

      Spero di averti risposto al meglio, io uso PC, non mac, ma tutto il discorso è praticamente identico! Grazie della tua partecipazione a Rockfoto.it e continua a seguirci!

      S.

      • Andrea Biasin

        Grazie dei consigli!

        • simmessa

          Ciao Andrea, figurati, è un piacere!

          S.

  • Federica Castro

    Ma dove lo installo questo programma…a me serve per togliere delle strane linee in faccia che mi forma la mia fotocamera del telefono non so se è la nitidezza non ne capisco molto

    • simmessa

      Ciao Federica, il programma lo installi sul tuo PC o Mac, esiste anche una versione per smartphone che potrebbe fare al caso tuo, ad ogni modo le linee di cui parli potrebbero essere soltanto un artefatto visivo dello schermo del telefono, vedi tu se risolvi guardandole su un altro schermo! A presto!

      S.

  • Valentina Ferrari

    ciao buonasera! vorrei chiedervi un consiglio visto che da poco uso anche io lightroom

    Ho da fare delle foto in un discopub e ho solo il flash della reflex.. avevo provato gia’ in precedenza a utilizzare la mia nikon d700 ma alla fine ho visto che risulta molto piu’ comoda la mia nikon 3100 impostata sull automatico… per renderle diciamo un po’ piu’ luminose senza comprare un flash aggiuntivo come potrei fare?

    • simmessa

      Ciao Valentina,

      beh, la prima cosa che mi viene in mente e che ti posso consigliare è quella di usare un’ottica luminosa a focale fissa, ce l’hai un 50mm F1.8 ? Oppure puoi fartelo prestare, attenta perché non tutte le versioni mettono a fuoco sulla D3100 (AF-S lo fa, l’AF-D no!). Per il resto l’unico consiglio che ti posso dare è: POMPA gli ISO, metti in auto-iso con un settaggio aggressivo, vicino al massimo possibile sulla D3100 (che è 12.800), avrai foto con un po’ di rumore ma potrai operare con il denoise di Lightroom. Sicura che non ti convenga la D700 ?? Ha un sensore assolutamente migliore, che arriva fino a 25.600 ISO e il rumore è meno visibile, certo è più ingombrante ma le foto parlano da sole, per quanto riguarda la modalità auto, puoi sempre usare la D700 in P mode con l’auto ISO, non credo che avrai risultati peggiori della D3100, ANZI! Fammi sapere cosa decidi e come ti trovi, a presto! S.

      • Valentina Ferrari

        ciao! grazie della risposta!! allora io l altra volta avevo usato la d700 ma mi venivano mosse pero’ ammetto che non l avevo usata in p ma col diaframma aperto al max il flashettino con l impostazione rear e avevo alzato gli iso…. con quella ho un ottica più’ luminosa xke ho un afs nikkor 24-120 mm 3.5-5.6

        sono un po’ indecisa

        • simmessa

          Ciao Valentina,

          tranquilla, con la D700 puoi pompare gli ISO come se non ci fosse un domani… prova e poi dimmi come va.

          S.

?