Il lavoro del creativo

condividi

Cari amici, fotografi e fotografe che leggete queste pagine, bentornati.

Dopo la pausa estiva ripartiamo con un bel po’ di cose, tutorial, concorsi, guide e consigli sulla fotografia, ma oggi permettetemi di iniziare il nuovo “anno scolastico” 2014 con una riflessione eccellente: oggi riflettiamo su il lavoro del creativo.

Girando per internet sono letteralmente inciampato su questa citazione di Ira Glass, che ho tradotto e di seguito riporto:

Nessuno dice questa cosa ai principianti. Avrei voluto che qualcuno me lo avesse detto prima. Per tutti noi che facciamo il lavoro dei creativi, ci imbarchiamo in questa carriera perché abbiamo buon gusto. Ma c’è questo divario. Per il primo paio d’anni che produci lavori, semplicemente non è un granchè. Sta cercando di essere buono, ha potenziale, ma non è abbastanza. Ma il tuo gusto che poi è la cosa che ti ha fatto iniziare questo gioco, è ancora fantastico. E il tuo gusto è proprio la ragione per cui il tuo lavoro ti delude. Ci sono un sacco di persone che non superano mai questa fase, e si arrendono. La maggior parte delle persone che fanno lavori interessanti e creativi attraversano questa fase per anni. Sappiamo che il nostro lavoro non ha quella cosa speciale che vorremmo avesse. E tutti ci passiamo attraverso. Se hai appena iniziato e sei ancora in questa fase, devi sapere che è del tutto normale e che la cosa più importante da fare è metterci dentro un sacco di lavoro. Datti una deadline che ti faccia terminare un lavoro ogni settimana. E’ soltanto affrontando un grande volume di lavoro che colmerai questo divario. A quel punto il tuo lavoro sarà all’altezza delle tue ambizioni. E io ci ho messo più di chiunque altro abbia mai incontrato a capire questa cosa. Ci vorrà un po’di tempo. E’ normale metterci un po’. Devi soltanto combattere per guadagnare l’uscita da questo tunnel.

Ira Glass

Splendida vero? Quanti di voi si sono sentiti o ancora adesso si sentono intrappolati in una situazione di questo tipo? Io sono sicuro di essere in questa fase dove la mia produzione fotografica e artistica non è quello che potrebbe essere, ma non mi arrendo, e prima o poi ci arriverò!

Il duro lavoro è tutto…

Lavorare lavorare e ancora lavorare! Quante foto avete fatto oggi, quanti lavori di post produzione, quanti ritocchi?

Avete mai sentito dire che le prime diecimila foto sono le peggiori?

Bene, allora fatene 20.000, 30 mila o 100 mila! Le vostre foto miglioreranno, capirete un sacco di cose, e se studiate non potrete che velocizzare questo percorso, ma senza lavoro non si va da nessuna parte.

Quanto tempo avete speso a cercare informazioni sulla fotocamera che desiderate o sulla lente nuova che tanto bramate… ma se aveste speso lo stesso tempo fotografando??

Beh, c’è molto da riflettere qui, secondo me, e non vale solo per la fotografia ma per tante altre cose.

Qualsiasi cosa decidiate di fare, non mollate, combattete e vedrete che i risultati arriveranno, questo è il pensiero e la riflessione che vorrei accompagnasse il nostro rientro dalle ferie, il leitmotif dell’inizio di una nuova stagione di fotografia.

Come sempre buona luce a tutti voi e vi aspetto nei commenti!

See You Soon!

Simmessa.

ATTENZIONE: Acquistando i prodotti che propongo all'interno dei miei articoli sul sito Amazon.it contribuirete a mantenere vivo questo blog, facendomi diventare ricco sfondato, giusto perché si sappia eh.

devi leggere
questi articoli