30 Indizi per riconoscere il fotografo principiante

commenti8

condividi

Il post di oggi è più che altro umoristico e psicologico, siete avvisati!

Come si distingue un esperto di fotografia da un principante? Ma soprattutto, state cercando di fare il salto di qualità ma i risultati non arrivano e non riuscite a capire come mai? Bene, allora da oggi potete dare un occhio alla lista che mi sono preso la briga di stilare e che vi farà riconoscere il fotografo principiante dall’esperto!

Badate se fate più di una delle cose che elenco qui sotto allora vi dovete preoccupare seriamente! :)

  1. Lascia che siano gli altri a comporre la foto per lui dando retta a regole inutili come la regola dei terzi o la regola aurea
  2. Ritiene che avere tanti megapixel sia indice di buona qualità di una fotocamera
  3. Corre sempre dietro all’ultimo modello della reflex e non sa bene perchè, se interrogato in merito risponde che la nuova versione fa meglio i video
  4. Ritiene che il suo sistema sia il migliore (Canon, Nikon, Sony) e tutti gli altri siano delle schifezze
  5. Quando esce a fotografare porta con se la sua reflex e tutti gli obbiettivi che ha (anche con focali simili, non si sa mai) in un comodo zainetto
  6. Scatta in modalità manuale (M mode) perchè gli hanno detto che se non lo fa è un principiante, rendendo futili 60 anni di evoluzione della tecnica fotografica
  7. Sceglie la reflex con FPS più alto per poter scattare “più foto” e poi perde una parte consistente della sua vita a guardare scatti pressochè identici
  8. Scatta con il bracketing dell’esposizione e con il bracketing della messa a fuoco per paura di non azzeccarle al primo colpo
  9. Usa la messa a fuoco manuale perché è più precisa e sbaglia rigorosamente la messa a fuoco di qualsiasi cosa in movimento
  10. Crede che in fotografia conti la fortuna
  11. Va in giro a fotografare ovunque e comunque con il suo fido treppiedi
  12. Non sa cosa vuol dire F/3.5 – 5.6 anche se è scritto ovunque sui suoi obbiettivi
  13. Valuta una lente sulla esclusivamente in base all’estensione focale
  14. Crede che la focale fissa sia un limite
  15. Ha bisogno dello zoom
  16. Scatta solo in RAW e poi tiene tutte le foto su hard disk esterno USB
  17. Compra un flash completamente automatico e poi lo usa sempre e solo montato in camera
  18. Partecipa ai concorsi SPAM
  19. Pensa che un giorno diventerà famoso grazie a flickr
  20. Ritiene il bianco e nero uno spreco di spazio su SD
  21. Fa “cheese” quando scatta i ritratti
  22. Pratica l’arte dell’autoscatto allo specchio (con flash)
  23. Si vanta delle sue foto fatte con l’iPhone e ritoccate con instagram
  24. Scatta foto ai paesaggi con il flash
  25. Si rifiuta di fotografare qualsiasi soggetto in controluce
  26. Sottoespone rigorosamente tutte le sue foto per ottenere “la pulizia degli ISO bassi”
  27. Compra una macchina fotografica nuova e poi non la lascia sempre a casa per non rovinarla
  28. Applica vistosi watermark alle sue foto per paura dei furti, meglio se ripetuti più volte e magari in centro all’immagine
  29. Non sa leggere gli istogrammi
  30. Chiede di posare alla moldava amica di Schettino

Allora com’è andata? In quanti di questi punti vi siete riconosciuti? Non offendetevi… ammetto che personalmente sono cascato in queste situazioni ben più d’una volta senza rendermene conto, ma come si dice sempre, il primo passo per migliorare è quello di riconoscere i propri errori!

Ad ogni modo il salto di qualità non è fatto solo di errori da evitare, bensì è necessario adottare pratiche virtuose e cambiare il proprio modo di pensare perchè tanti, anzi

Troppi fotografi si dimenticano una verità fondamentale, e che cioè la fotografia è arte

E che  l’arte mal si adatta ad essere limitata e descritta da qualsiasi regola!

Fatemi sapere nei commenti se il post di oggi vi è piaciuto e keep on rocking.

Simone.

ATTENZIONE: Acquistando i prodotti che propongo all'interno dei miei articoli sul sito Amazon.it contribuirete a mantenere vivo questo blog, facendomi diventare ricco sfondato, giusto perché si sappia eh.

devi leggere
questi articoli